Tra desiderio di evento e volontà di sistema Dieci inviti al pensiero di Alain Badiou

Tra desiderio di evento e volontà di sistema

Dieci inviti al pensiero di Alain Badiou

L’opera di Alain Badiou, riconosciuta come una delle più consistenti nel panorama contemporaneo, sembra talora patire di un eccesso di compattezza. Che lo si identifichi come l’ultimo filosofo sistematico, per il suo approccio ontologico-matematico, o come l’ultimo filosofo maoista, per la sua fedeltà all’“ipotesi comunista”, o, ancora, come l’ultimo fi losofo platonico, per la sua strenua difesa dell’Idea, resta il fatto che Badiou seduce, intimidisce o indispone, secondo i casi, ma la sua opera sembra resistere a ogni tentativo di appropriazione trasformatrice. I dieci inviti che compongono questo volume intendono contribuire a una lettura obliqua, facendo apparire alcune zone di esitazione nella produzione speculativa del filosofo, in particolare attraverso la categoria di “antifilosofia”, mutuata da Lacan, grazie alla quale trovano spazio, sotto la maschera platonica, questioni a prima vista proscritte nel suo pensiero, come quella del trauma, dell’angoscia, della pulsione di morte e dell’atto.

Book details

About the author

Livio Boni

Livio Boni è dottore di ricerca in psicoanalisi, direttore di programma al Collège International de Philosophie e psicoanalista. Ha curato l’edizione italiana di diversi saggi di Badiou, tra cui Secondo manifesto per la filosofia (2010), L’avventura della filosofia francese. Dagli anni Sessanta (2013) e D’un disastro oscuro. La fine della verità di Stato (2017). Per Mimesis è recentemente uscito L’inconscio post-coloniale. Geopolitica della psicoanalisi (2018).

You will also like